Amici dentro – III giorno

ok piccolo amici dentro prisoner

Progetto “Amici dentro” – corso di educatore cinofilo presso il Carcere di Tolmezzo

Wuff, amici!

Eccomi qua di nuovo, sono Lampo e anche oggi con il mio collega Callum, siamo entrati in Carcere a Tolmezzo per la terza giornata del Corso educatori cinofili rivolto ai detenuti. Questa volta oltre a Giovanna e Daniela c’era anche Andrea, che insieme a Cristiana e a Martina fa parte dello staff di questo incredibile progetto “Amici dentro”.

Dopo aver superato i vari blocchi, compreso quello con metal detector (noi cani siamo esentati, arf!) eccoci alla Biblioteca per l’ora di teoria. E lì c’erano già tutti e 6 gli studenti in attesa ansiosa del nostro arrivo: Livio, Giuseppe, Domenico, Michele più Massimiliano e un altro Giuseppe. Lino mancava.

Tutti gli umani si sono seduti mentre Callum e io ci siamo spiaggiati a terra. Daniela ha fatto un rapido riassunto degli argomenti trattati durante gli altri due incontri e cioè il lupo, il branco, l’origine del cane, il nanismo, il gigantismo, la neotenia, la mortalità differenziale. Tra una battuta e un racconto ha trattato i cani pastori, guardiani e conduttori. I ragazzi seguivano attenti e sorridenti. Presto l’atmosfera si è accesa, l’interesse è cresciuto, tutti facevano domande o raccontavano episodi.

Si è passati alle regole di capobranco con esempi di storie realmente accadute come quella del Lupo Cecoslovacco che marcava per ultimo in bagno e a come Daniela ha risolto “il caso”.

Infine, dopo aver spiegato che il cane, come gli umani, ha due personalità e cioè una istintiva e una razionale contenute nello stesso corpo, Daniela ha preso in mano il mio guinzaglio e ha chiesto il mio aiuto per far vedere in termini pratici cosa vuol dire lavorare sulla parte razionale (cioè con Lampo) e su quella irrazionale (e cioè sul Cane). In pratica insieme abbiamo fatto il Libero (per chi non sapesse cosa si intende lo chieda direttamente alla mia umana che lo ha inventato). In pratica io e lei durante il Libero comunichiamo per vie “altre” che nulla hanno a che vedere con parole, premietti, ordini e nomi. Sapete, grazie al Cielo, ci sono umani che non hanno dimenticato l’antica alleanza con noi cani, che non si credono superiori a noi, che non pensano che il loro linguaggio vale più del nostro. Con quegli umani il canale di comunicazione per noi è aperto!

Poi siamo andati in corridoio per la parte pratica, i 6 detenuti, due cani: vuol dire tre detenuti per ognuno di noi. Callum ed io abbiamo lavorato bene, se l’umano ha delle difficoltà noi lo aiutiamo.

I ragazzi si sono divertiti molto, il clima era sereno e disteso e alla fine ci siamo salutati tra sorrisi, strette di mano e pacche affettuose a noi quadrupedi! A rivederci a martedì.

Ho sentito che altri detenuti vogliono iscriversi a questo corso e che dal 5 maggio partiamo anche con le due ore fisse per gli agenti di custodia. Se ne sono iscritti 45!!!!!!! Dovremo fare dei turni!!!!!

Wuff,una leccatina a tutti dal vostro reporter Lampo e da Callum!!!!

Share This:

Potrebbero interessarti anche...