“AMICI DENTRO” – Detenuti – 2.0 (secondo corso)

ok piccolo amici dentro prisoner

Progetto “Amici dentro” – corso di educatore cinofilo presso il Carcere di Tolmezzo

Wuff, amici, sono Lampo e volevo rendervi partecipi del fatto che è cominciato il II Corso per Educatori cinofili rivolto ai Detenuti del Carcere di Tolmezzo.

Come per il primo i nostri umani sono Daniela, Giovanna, Cristiana e Andrea mentre noi 4 zampe siamo, oltre al sottoscritto, Callum, Brenno (cucciolone curly appena arrivato al Centro) e probabilmente anche Dalton. Poi si vedrà.

Gli studenti sono belli carichi, interessati più alla teoria che alla pratica, molto coinvolti, pieni di domande da porre e di storie da raccontare. Storie di cani, di uomini e della loro terra del Sud. Storie di cani che accompagnano uomini, che compiono azioni straordinarie come quel bastardino che accompagnava il suo umano “diverso” a tutti i funerali del paese e che alla sua morte ha continuato a farlo come perchè nessuno se lo scordasse. O quella di un nonno che ha adottato un lupo e l’ha cresciuto come fosse un cane.
Anche qui, come sempre quando si narra di animali, la leggenda e la realtà si fondono, non sono più necessariamente separate, non è neppure importante sapere quanto c’è di vero e quanto di immaginario. L’importante è continuare a raccontare e ad ascoltare storie di uomini e di cani.
E anche in questo corso, dopo un attimo, noi cani abbiamo fatto breccia, abbiamo aperto un canale di comunicazione, i visi contratti e sospettosi si sono aperti in sorrisi, le mani si sono strette in saluti, e le lezioni di cinofilia si sono trasformate in momenti di contatto.

Nel frattempo con Brenno, Hawk, Hunter e Pilar, i venerdì si susseguono gli incontri con il II gruppo di Agenti. E anche qui il clima è disteso, anche qui noi cani finiamo coccolati, anche qui si ride e si scherza mentre i nostri umani spiegano agli agenti come si conduce un cane o qual’è l’alimentazione più corretta o cos’è l’ansia da separazione. Qui i nostri conduttori sono Daniela,Martina e Giovanna.

Share This:

Potrebbero interessarti anche...